d

Alienum phaedrum torquatos
nec eu, vis detraxit periculis ex,
nihil expetendis in mei.

contact
neva@office.com
+456933336454
2606 Saints Alley
Tampa, FL 33602
Follow Us
5 attività Montessori per Halloween

5 attività Montessori per Halloween

 

Bentornata sul blog!

 

Oggi voglio proporti delle attività d’ispirazione montessoriane per Halloween. In giro su Internet trovo varie proposte che devono avere sempre qualcosa di istruttivo o di lavoretti scolastici a tema Halloween.

 

Quello che ti offre già la Natura per supportare tuo figlio è già in linea con il metodo Montessori, senza dover necessariamente insegnare qualcosa di complicato.

 

Se tuo figlio poi ha voglia e un ambiente predisposto può fare tutti i disegni e i collage di Halloween che vuole!

 

Ormai da anni la festa di Halloween è diventata una tendenza anche in Italia. Bambini travestiti, feste varie, zucche e il classico “dolcetto o scherzetto!” porta a porta (procurati qualche dolcetto se sei in casa, altrimenti spera che non subiscano scherzi pesanti! 😀 )

 

Vediamo meglio le origini di Halloween!

 

Questa festa ha origini molto antiche provenienti dall’Irlanda e non dagli Stati Uniti, come si è soliti credere. Halloween corrisponde a Samhain, il capodanno celtico. Il nome Halloween (in irlandese Hallow E’en), deriva dalla forma contratta di All Hallows’ Eve, dove Hallow deriva dall’inglese arcaico e significa Santo, quindi la vigilia di tutti i Santi. Ognissanti, invece, in inglese è All Hallows’ Day. Era una festività che segnava la fine della stagione estiva, in cui i pastori riportavano a valle le loro greggi, per prepararsi all’arrivo dell’inverno e all’inizio del nuovo anno, che era il 1° novembre e non il 31 dicembre. Il ritmo quotidiano era scandito dal bestiame, non dall’agricoltura, in quanto erano allevatori e pastori. Così con l’arrivo del freddo ci si rintanava in casa al caldo e si raccontavano storie, riposandosi e ringraziando gli Dei per tutto quello che avevano ricevuto. I Celti credevano che in quella notte gli spiriti dei morti e il mondo dei viventi potessero incontrarsi, annullando ogni legge spazio-tempo. Venivano fatti rituali con il fuoco e con animali da sacrificare.

 

Col passare del tempo con le conquiste romane, i Celti ed i Cristiani vennero a contatto. A poco a poco la Chiesa cancellò tutti i culti pagani e rese cristiana questa festa, facendola diventare un’occasione per commemorare i defunti. Verso la metà del XIX secolo, in Irlanda ci fu una terribile carestia, che portò molte persone a fuggire dall’isola per andare a rifugiarsi e fare fortuna in America, dove continuarono a mantenere vivo il culto di Halloween che si diffuse in tutti gli Stati Uniti e che negli anni hanno esportato in tutto il mondo!

 

Che strani giri immagino che pensi! Dopo questo excursus storico torniamo a noi!

 

Non voglio proporti delle attività complesse ma attività semplici, alla portata dei bambini.

 

…Qual è l’ortaggio che caratterizza Halloween per eccellenza?!

 

La zucca, esatto!

 

Con quella faremo tutto. Avremo bisogno di due zucche grandi e 1-2 piccole ornamentali.

 

Pronti? Via, con le attività!

 

1- IL CLASSICO E INTRAMONTABILE “JACK O’LANTERN” – Occorrente: una zucca grande, una ciotola per i semini, un coltello grande che maneggerai solo tu, un coltello per il tuo bambino, un pennarello indelebile, una candela, un piatto per i semini (da conservare per la prossima attività), il secchio dell’umido a portata di mano.

 

Con il tuo bambino e con un pennarello disegna un cerchio intorno al picciolo abbastanza grande da fare il coperchio. Tagliate insieme il cerchio con il coltello grande, tenendolo inclinato. Togliete tutti i semini con le mani e lasciateli in un piatto. Una volta vuotata completamente la zucca, lavate le mani. Disegna con il pennarello nella parte laterale la faccia (occhi, naso e bocca con pochi denti). Tagliate i pezzi disegnati e buttateli nel secchio dell’umido. Inserite una candela all’interno della zucca. Accendetela con i fiammiferi lunghi, in modo che il bambino possa sperimentare in sicurezza. Mettete il coperchio col picciolo.

 

Spegnete le luci e la magia è fatta!

 

 

2- SEMINI DI ZUCCA, CHE PASSIONE! – Occorrente: grembiule, bacinella, ciotola, sale fino, due strofinacci, forno e carta forno.

 

Pulire i semi di zucca è un lavoro che richiede grande concentrazione e che piace ai bambini. Lavate i semi, rimuovendo i filamenti con acqua: il vostro bambino può farlo sul lavandino con l’ausilio della learning tower (se ce l’avete) o in una più comune bacinella. In una parte dei semi potete aggiungere del sale, mettendo in una ciotola due tazze d’acqua e cinque cucchiai di sale fino, lasciando riposare i semi per una notte. L’indomani mettete i semi a scolare bene in uno scolapasta per circa mezz’ora. Su uno strofinaccio mettete ad asciugare i semini salati e sull’altro quelli non salati (che potete fare già dal giorno prima appena lavati, non dovendo stare nel sale) per un giorno. Il giorno seguente potete tostarli nel forno, con carta forno su una teglia distribuendo con precisione tutti i semi. Potete aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva. Preriscaldate il forno e lasciateli cuocere per 50 minuti a 150°C, girandoli ogni quindici minuti per una tostatura omogenea. Potete gustarli a merenda o come più vi piace! Così il bambino farà esperienza che per fare qualcosa è richiesto tempo, pazienza e concentrazione, facendo esperienza sul campo. L’altra parte di semini, una volta asciutti serviranno per la prossima attività.

 

 

3- PREPARATE UN TRAVASO ASSIEME – Occorrente: un vassoio in legno, due ciotoline di ceramica o vetro uguali, un cucchiaio o pinze.

 

I semi che non avete salato potete usarli per preparare un vassoio di travasi. Con il tuo bambino prendete un vassoio, appoggiatevi sul tavolo, mettete le due ciotoline al suo interno una alla volta, mettete il cucchiaio o lo strumento che utilizzerete (che può andare per gradazione di complicazione). Trasportate insieme il vassoio sul ripiano in cui deciderete che stia in modo che il tuo bambino potrà fare travasi ogni volta che vorrà fino a quando non si esaurirà questo suo bisogno.

 

 

4- CUCINIAMO LA ZUCCA! – Occorrente: Zucca, coltello grande per te, coltello per bambini Ikea o taglia verdure a lama ondulata, un tagliere ciascuno, forno e carta forno, pentola, sale.

 

Puoi tagliare la zucca e togliere la buccia con il coltello grande, se tuo figlio ha meno di tre anni. Togliete i semi e se volete in un secondo momento potete fare lo stesso lavoro di fare i semini salati. Dai dei pezzi di media grandezza al tuo bambino, in modo che possa tagliarli a suo piacimento. Se il tuo bambino si approccia per la prima volta al taglio, fai usare un taglia verdure a lama ondulata. Potete cuocere la zucca al forno con un pizzico di sale o in pentola – da bollire o con la vaporiera, come sei abituata di solito. Con la zucca lessata potete fare molte ricette, dalla vellutata, al ripieno dei tortelli o ricette dolci. Ricette semplici e sfiziose!

 

 

5- GIARDINO ZEN DI ZUCCHE – Occorrente: un cesto o contenitore di legno, altro contenitore in legno o metallo, sabbia, qualche sasso, due pigne, un mestolo ed un imbuto in metallo, una forchetta, una o due zucche ornamentali.

 

Disponete il cesto o un contenitore in legno in giardino o sul balcone. Assicuratevi che la sabbia al suo interno non fuoriesca. In caso accadesse, mettete un telo in plastica o stoffa per impedirlo. Appoggia le zucche ornamentali, le pigne ed i sassi sulla sabbia. Nel contenitore in legno o metallo che resta disponi forchetta, mestolo ed imbuto, in quanto sarà il contenitore degli attrezzi da tenere sempre vicino alla cesta. Potete prepararlo insieme o puoi farlo tu come regalo per tuo figlio. Divertitevi a comporre, travasare e creare il vostro giardino zen di Halloween!

 

 

Buon Halloween a tutti, grandi e piccini!

Un abbraccio!
Al prossimo articolo!

Ilaria Cichetti – Tata Montessori

 



 

CONSULENZA “UNA CASA A MISURA DI BAMBINO”

Metto a disposizione le mie conoscenze e competenze, in un percorso condiviso con voi genitori, per arredare la tua casa a misura di bambino secondo i principi base del metodo Montessori, con alcune accortezze e usando il più possibile ciò che hai a disposizione in casa.

Clicca qui e scopri di più